Cosa fare

Spiaggia Macarro

Spiagge – La costa di Maratea, uno degli scenari paesaggistici più selvaggi e incontaminati, è l’unico sbocco lucano sul Tirreno, incastonato all’interno del Golfo di Policastro, con a nord la Campania e a sud la Calabria. Terra di fantastici tramonti e dell’abbagliante luce tirrenica, candide spiagge alternate ad aguzze scogliere che finiscono a picco nel mare. La spiaggia diCastrocucco, a sud di Maratea, è una delle più ampie della costa, incorniciata da dune e canneti che si spingono fino alla foce del fiume Noce, che segna il confine con la Calabria. Altre suggestive spiagge di sabbia scura sono quella del Macarro e la spiaggia nera. In località Porto, la spiaggia di ciotoli di Maremorto e la spiaggia di Fiumicello una delle più ampie, incorniciata dalla folta vegetazione che si spinge fino al mare. La frazione di Acquafreddaè un susseguirsi di spiaggette incastonate tra rocce e grotte marine.

Maratea -Nell’antichità i Greci la chiamarono la Dea del mare, da Thea maris. Costruita sulle pendice del monte per renderla invisibile dal mare, al sicuro dagli attacchi saraceni, è un dedalo di stradine lastricate punteggiate da case variopinte, deliziose piazzette animate da caffè e piccoli negozi, mostre d’arte e manifestazioni culturali. Maratea è anche nota come Città delle 44 chiese, fra tutte la Basilica di San Biagio è sicuramente la più maestosa, edificata su un antico tempio pagano dedicato alla dea Minerva. Dalla Basilica si raggiunge la ciclopica statua del Redentore, seconda per dimensioni soltanto a quella del Corcovado di Rio de Janeiro. Dal pittoresco porto turistico di Maratea, ben attrezzato e in grado di ospitare imbarcazioni di notevoli dimensione, partono numerosi escursioni organizzate alla scoperta degli angoli più selvaggi e incontaminati della costa.

Rivello – Parco del Pollino – Matera

Diverse sono le escursioni che si possono fare partendo da Maratea, una tra questa è visitare il paese di Rivello, uno dei borghi-presepe più suggestivi della regione con una posizione panoramica da cui si domina la Valle del Noce e una struttura urbanistica estremamente armoniosa.

IlParco Nazionale del Pollino, il più esteso d’Italia, scrigno di incredibili bellezze naturalistiche e grandi contrasti paesaggistici, abbraccia due regioni la Basilicata e la Calabria e tre province Potenza, Matera e Cosenza, più lussureggiante e selvaggio nel versante tirrenico a quello più brullo verso lo ionio. Fanno parte del Parco anche valli bellissime solcate da svariati corsi d’acqua.

Matera,città unica al mondo, è nota come la città dei sassi con interi quartieri di case completamente scavate nella roccia. La loro particolarità e bellezza ha fatto si che la città venisse riconosciuta dall’UNESCO come Patrimonio dell’Umanità. E’ stata designata Capitale Europea della Cultura per il 2019. Popoli, religioni, stili e culture hanno trovato in Matera una riserva naturale, offerta da un habitat rupestre, lontano dai dettami e dall’orientamento urbano occidentale.